Domande frequenti sugli apparecchi acustici

Comprendere la salute dell’udito

Sappiamo che hai molte domande sulla salute dell’udito e sugli apparecchi acustici. Comprendere questi argomenti ti aiuterà a prendere decisioni più informate riguardo al tuo udito e alle possibilità di trattamento e ti consentirà di affrontare il test dell’udito con maggiore tranquillità d’animo e più ottimismo. Di seguito sono riportate alcune delle domande più comuni sui problemi relativi alla salute dell’udito, insieme alle risposte che stavi cercando. 

Come faccio a sapere se soffro di ipoacusia?

L’ipoacusia, ovvero la perdita dell’udito, e in particolare l’ipoacusia correlata all’età, spesso si sviluppa così gradualmente che la persona non si rende conto di ciò che sta accadendo. L’ipoacusia di solito non è accompagnata da dolore o fastidio e molti si adattano inconsciamente al loro deficit uditivo. Spesso sono i familiari o gli amici della persona interessata a sospettare per primi un problema di udito. 

Potresti soffrire di ipoacusia se ti riconosci in una o più delle seguenti affermazioni:

  • Spesso chiedi alle persone di ripetere cosa hanno detto
  • Hai difficoltà a seguire le conversazioni con più di una persona
  • Hai difficoltà a sentire ciò che si dice se non sei di fronte a chi sta parlando
  • Hai difficoltà a sentire le persone in spazi affollati come ristoranti e centri commerciali
  • Trovi difficile capire le donne o i bambini quando parlano
  • Alzi il volume della televisione, della radio o del telefono
  • Avverti un ronzio o un sibilo nelle orecchie
  • Hai l’impressione che le persone parlino borbottando o mangiandosi le parole rispetto a prima

Cosa devo fare se penso di soffrire di ipoacusia?

Se sospetti di soffrire di ipoacusia, il primo passo è fissare un appuntamento con un audioprotesista oppure andare dal tuo medico di famiglia e chiedere che ti indirizzi a uno specialista. L’audioprotesista valuterà la tua eventuale ipoacusia durante un consulto e, se i sintomi lo giustificano, prescriverà un test dell’udito. I risultati del test dell’udito determineranno il miglior tipo di trattamento per la tua ipoacusia.  

Qui puoi trovare i professionisti dell’udito di EarPros. Molti professionisti dell’udito offrono valutazioni gratuite. 

Ci sono diversi tipi di ipoacusia?

Esistono molti tipi di ipoacusia. Il più comune è l’ipoacusia correlata all’età, ovvero la presbiacusia. La presbiacusia è un tipo di ipoacusia neurosensoriale che è causata da un danno all’orecchio interno o al nervo uditivo. L’ipoacusia neurosensoriale provoca la perdita permanente dell’udito e viene generalmente trattata con l’uso di apparecchi acustici. Un altro tipo di ipoacusia neurosensoriale è l’ipoacusia causata dall’esposizione a un livello di rumore nocivo per l’orecchio. 

L’ipoacusia conduttiva si verifica quando il suono non riesce a passare attraverso l’orecchio esterno e medio. Molteplici condizioni possono causare un’ipoacusia conduttiva, per esempio la presenza di fluido nell’orecchio, la rottura del timpano, un eccesso di cerume, infezioni o malformazioni congenite dell’orecchio. A differenza di quanto avviene con l’ipoacusia neurosensoriale, l’ipoacusia conduttiva può spesso essere risolta con un trattamento adeguato. 

L’ipoacusia mista, come indica il nome stesso, è una perdita dell’udito di natura sia conduttiva che neurosensoriale. Un trattamento può invertire gli effetti dell’ipoacusia conduttiva ma per affrontare le cause neurosensoriali potrebbe essere necessario l’uso di apparecchi acustici.

Chi si occupa di curare l’ipoacusia?

L’ipoacusia viene curata da audiologi, otorinolaringoiatri (ORL), audioprotesisti autorizzati e specialisti di apparecchi acustici autorizzati. Gli audiologi sono specialisti di una disciplina medica, chiamata audiologia, che studia l’udito. Un audiologo valuta, diagnostica e cura l’ipoacusia e può anche applicare gli apparecchi acustici.

Gli otorinolaringoiatri (ORL) sono i medici che si occupano di orecchio, naso e gola. Un otorinolaringoiatra è specializzato nei disturbi dell’orecchio, del naso, della gola, della testa e del collo. Se l’ipoacusia è accompagnata da problemi di equilibrio o da dolore, potrebbe essere necessario consultare un otorinolaringoiatra. Molti otorinolaringoiatri lavorano in collaborazione con audiologi per fornire le migliori cure possibili.

Gli audioprotesisti autorizzati e gli specialisti di apparecchi acustici autorizzati sono professionisti della salute dell’udito che si occupano principalmente di fornire e applicare gli apparecchi acustici. Sono autorizzati a fornire una valutazione completa dei problemi di udito, nonché a diagnosticare eventuali condizioni mediche che potrebbero essere all’origine del problema. Possono eseguire test sull’ipoacusia e seguire il paziente nella scelta del trattamento corretto.

 

È previsto un periodo di adattamento per gli apparecchi acustici?

Effettivamente ci vuole un po’ di tempo per abituarsi a un apparecchio acustico. Il miglioramento dell’udito dovrebbe essere avvertito molto presto, ma abituarsi fisicamente a indossare il dispositivo richiede tempo. Il cervello, che si è adattato alla riduzione dell’udito, avrà bisogno di tempo per riabituarsi a suoni e tonalità che non percepiva più.

Ci vorrà del tempo anche per riabituarsi ai suoni recuperati. All’inizio i suoni ad alta frequenza e i rumori ambientali potranno sembrare strani o troppo forti. Portare il più possibile i nuovi apparecchi acustici, insieme ad avere aspettative realistiche e ad un po’ di pazienza, ti aiuterà ad adattarti sia al recupero del tuo udito sia alla nuova sensazione data dal fatto di indossare un apparecchio acustico.

Recarsi regolarmente dall’audioprotesista autorizzato durante il periodo di adattamento può rendere questo processo più rapido e meno faticoso. Di norma sono previste da 2 a 4 visite nel primo mese, per regolare le impostazioni e assicurare la massima efficienza degli apparecchi acustici.

Gli apparecchi acustici costano molto?

Il prezzo di un apparecchio acustico dipende dal modello e dalle funzioni di cui si ha bisogno. Generalmente, più un apparecchio acustico è tecnologicamente avanzato, maggiore sarà il suo prezzo. Sebbene più costosi, i modelli all’avanguardia sono dotati di caratteristiche avanzate come migliori funzionalità di riduzione del rumore, microfoni dal suono cristallino e connettività Bluetooth.

Anche il grado di ipoacusia incide sul prezzo di un apparecchio acustico, poiché un’ipoacusia grave o profonda richiede dispositivi più potenti. Sul prezzo incide anche l’aggiunta di connettività Bluetooth, batterie ricaricabili e altre opzioni.

Controlla la tua assicurazione sanitaria per vedere se il tuo piano prevede una copertura per gli apparecchi acustici. In caso contrario, la maggior parte dei professionisti dell’udito offre opzioni di finanziamento flessibili.

 

Quanto dura la batteria di un apparecchio acustico?

Le batterie degli apparecchi acustici possono durare da 3 a 22 giorni, a seconda delle dimensioni della batteria, del modello di apparecchio acustico e del tempo di utilizzo. Le batterie più grandi tendono ad avere un’autonomia maggiore, mentre le batterie più piccole, come quelle utilizzate per alimentare gli apparecchi acustici invisibili, sono meno potenti e non durano altrettanto a lungo.

Alcuni apparecchi acustici retroauricolari e con ricevitore nel canale sono ora dotati di batterie ricaricabili. La preferenza tra batterie ricaricabili e batterie monouso dipende in parte dallo stile di vita e dalla frequenza con cui si utilizza un apparecchio acustico. 

 

Come faccio a sapere qual è l’apparecchio acustico ideale per la mia situazione?

Con tanti modelli di apparecchi acustici sul mercato, può essere difficile decidere quale sia il tipo di apparecchio acustico giusto. È meglio un modello con ricevitore nel canale (RIC), retroauricolare (BTE), intrauricolare (ITE) o endocanalare (ITC)? 

La scelta dipende dalla gravità dell’ipoacusia, dallo stile di vita e dal livello di discrezione desiderato (c’è anche chi non vuole far sapere agli altri di stare indossando un apparecchio acustico). La consulenza con un audioprotesista autorizzato ti aiuterà a selezionare il tipo di apparecchio acustico adatto per la tua situazione. Fortunatamente, sono disponibili soluzioni per qualsiasi stile di vita e per tutte le tasche. 

Chi deve usare un apparecchio acustico?

Anche se l’ipoacusia correlata all’età è il motivo più comune per usare un apparecchio acustico, i problemi di udito possono riguardare persone di tutte le età. Secondo l’Istituto nazionale sulla sordità e altri disturbi della comunicazione (National Institute on Deafness and Other Communication Disorders, NIDCD) degli Stati Uniti, il 15% degli americani adulti presenta un deficit uditivo, mentre da 2 a 3 bambini su 1.000 nascono con ipoacusia. Indipendentemente dalla tua età, se soffri di ipoacusia un test dell’udito e degli apparecchi acustici potrebbero esserti d’aiuto. 

 

Gli apparecchi acustici cambieranno la mia vita?

Gli apparecchi acustici hanno un impatto positivo sulla qualità della vita. Un udito migliore aumenta le probabilità di dedicarsi ad attività sociali. Avrai interazioni di qualità superiore con familiari e amici e potrai nuovamente apprezzare al meglio la musica, la televisione e altre forme di intrattenimento. 

I moderni apparecchi acustici sono comodi da indossare e molto discreti. Molti sono così piccoli che nessuno si accorgerà mai che li stai indossando. Sarai in grado di interagire totalmente con gli altri sul lavoro o a casa, come facevi prima dell’ipoacusia.

Se pensi di soffrire di ipoacusia o ti piacerebbe sapere di più sui modi in cui gli apparecchi acustici possono migliorare la tua vita, fissa oggi stesso un appuntamento con un audioprotesista autorizzato. 

Prenota un consulto gratuito sugli apparecchi acustici
Contattaci