Puoi anche avere la Rolls Royce degli apparecchi acustici, ma senza un’adeguata programmazione e manutenzione il tuo dispositivo all’avanguardia potrebbe finire in un cassetto, un po’ come un’automobile di lusso a lungo trascurata finisce abbandonata in un garage. Non vorrai certo che succeda questo dopo aver fatto un investimento così importante per la salute del tuo udito.

Un utilissimo consiglio per chi porta un apparecchio acustico da molto tempo è quello di avere pazienza e concentrarsi sui miglioramenti incrementali. Ognuno ha la sua curva di apprendimento, quindi potrebbe essere necessario un periodo variabile da qualche settimana a qualche mese prima di sentirsi completamente a proprio agio con un apparecchio acustico. La ricerca mostra che gli utenti già esperti di apparecchi acustici hanno maggiori probabilità di essere soddisfatti del proprio dispositivo rispetto ai nuovi utenti, il che non sorprende affatto.

Suggerimenti per ottenere il massimo beneficio dai tuoi apparecchi acustici

  • Prepara un elenco di domande prima della visita per l’applicazione degli apparecchi acustici, annota le risposte e tienile a portata di mano
  • Prima dell’acquisto, chiedi se le visite di controllo sono incluse nel prezzo degli apparecchi acustici, e quante visite sono previste
  • Durante la visita per l’applicazione degli apparecchi acustici, assicurati di aver capito bene come usarli, comprese le funzioni di base e le procedure di sostituzione delle batterie e di manutenzione
  • Conserva il manuale dell’apparecchio acustico in un luogo facile da ricordare, perché è probabile che dovrai consultarlo qualche volta
  • Inizia lentamente, indossando gli apparecchi acustici per poche ore al giorno
  • Prendi nota di eventuali situazioni problematiche da far presente per la prossima visita (ad esempio, fai fatica ad ascoltare le conversazioni al ristorante o il rumore del frigorifero è troppo fastidioso) 

Tipici problemi con gli apparecchi acustici

Può accadere che se si verifica un problema con un apparecchio acustico, si finisca per non usarlo più, vanificando così il suo scopo. Da uno studio che ha analizzato il mancato uso degli apparecchi acustici da parte degli utenti sono emersi alcuni problemi tipici. I due principali aspetti problematici riportati dagli utenti sono stati un’insufficiente chiarezza del parlato e vestibilità/comfort tutt’altro che ideali. Tra gli altri problemi segnalati erano inclusi:

  • Qualità del suono scadente
  • Difficoltà di inserimento e rimozione
  • Necessità di un aiuto per la sostituzione delle batterie
  • Difficoltà dovute a poca destrezza manuale
  • Difficoltà nella regolazione dei comandi per il volume
  • Rottura o malfunzionamento del dispositivo
  • Necessità di assistenza tecnica
  • Durata delle batterie troppo breve
  • Un suono strano della propria voce

Ulteriori studi hanno scoperto che lavorare con un audioprotesista su argomenti pratici come l’inserimento e la rimozione di un apparecchio acustico, le funzioni e la manutenzione è stato fondamentale per migliorare l’esperienza di chi è nuovo di questo campo. La ricerca suggerisce che i servizi di assistenza e consulenza possono essere più importanti delle costose tecnologie moderne in termini di aumento della soddisfazione e dell’uso degli apparecchi acustici.

Manutenzione “fai-da-te” degli apparecchi acustici

Un problema frequente non ancora menzionato è dato dall’accumulo eccessivo di cerume. Se il cerume rimane intrappolato nei piccoli orifizi di un apparecchio acustico, può accadere che l’apparecchio acustico non funzioni correttamente. Un po’ di cura e attenzione possono contribuire a garantire prestazioni ottimali degli apparecchi acustici e aumentare la soddisfazione degli utenti.

  • Presta attenzione durante la pulizia delle orecchie: avere cerume nelle orecchie è normale. Non usare mai bastoncini cotonati, perché così facendo il cerume può formare un tappo o si può danneggiare il timpano. Per rimuovere sporco o cerume visibile, pulisci delicatamente l’orecchio esterno con una salvietta di spugna ogni giorno. Non bagnare troppo la salvietta, perché è meglio evitare anche l’ingresso di acqua nelle orecchie.
  • Pulisci spesso gli apparecchi acustici: controllali per escludere qualsiasi accumulo di sporco o cerume. Se indossi apparecchi acustici retroauricolari, puoi pulire le chiocciole con sapone neutro. Non usare mai un asciugacapelli per asciugare le chiocciole perché potresti danneggiarle. Prima di rimettere le chiocciole sugli apparecchi acustici, accertati che siano asciutte.
  • Controlla le batterie: non aspettare che le batterie siano completamente scariche per sostituirle, perché ciò potrebbe accadere in un momento inopportuno (ad esempio durante un concerto o un’uscita con gli amici). La maggior parte degli apparecchi acustici è dotata ormai di appositi indicatori e alcuni hanno persino una voce che avvisa quando le batterie sono scariche. La maggior parte dei modelli può anche essere sincronizzata con un’app per smartphone per consentire di monitorare facilmente la durata delle batterie.
  • Tieni gli apparecchi acustici in un luogo asciutto:di notte, apri il vano batteria per consentire una maggiore aerazione dell’apparecchio acustico. È anche possibile acquistare un apposito deumidificatore per apparecchi acustici (dal prezzo contenuto) per mantenere l’umidità al minimo e prolungare così la vita dell’apparecchio acustico.

Ogni quanto occorre far controllare gli apparecchi acustici?

Se sei un utente alle prime armi, potrebbero essere necessarie diverse visite di controllo al centro per regolazioni e adattamenti. È consigliabile una visita annuale per una pulizia accurata, ma potrebbero essere necessarie visite più frequenti se la produzione di cerume è superiore alla norma. Se si verifica uno dei seguenti problemi, fissa un appuntamento il prima possibile.

  • Una riduzione dell’udito, soggettiva o permanente
  • Troppi fenomeni di feedback acustico o fischi eccessivi (possibile segno di un’applicazione non corretta o presenza di un tappo di cerume)
  • Danni irreparabili all’apparecchio acustico (ad es. custodia incrinata o fori visibili in qualsiasi parte del guscio o del frontalino)

Contatta un professionista degli apparecchi acustici

Ricorda, non sei da solo in questo viaggio. Proprio come quando ti affidi al tuo meccanico preferito per tenere il motore della tua auto in piena efficienza, stabilire e mantenere un buon rapporto con un bravo audioprotesista autorizzato è fondamentale per mantenere gli apparecchi acustici in condizioni di funzionamento ottimali. 

Scopri di più su altre forme di assistenza

Vuoi tornare a sentirci? EarPros ti può aiutare!

Registrati per ottenere subito una consulenza gratuita con un audioprotesista abilitato per determinare se soffri di perdita dell'udito.

I benefici di EarPros:

  • Oltre 1.000 punti vendita
  • Audioprotesisti preparati
  • Consulenza gratuita

Please use a valid US zipcode.

Per favore usa un CAP valido.

Grazie per averci contattati

Ti chiameremo il prima possibile per organizzare l'appuntamento.
Prenota un consulto gratuito sugli apparecchi acustici
Contattaci