L'Audiometria e il suo ruolo nella prevenzione dell'udito

Una donna effettua il test dell'udito

Cos'è l'audiometria?

L'audiometria è una procedura clinica fondamentale per valutare la capacità uditiva di un individuo. Questo test diagnostico è studiato per identificare e quantificare possibili perdite dell'udito, determinando la capacità di una persona di percepire una varietà di frequenze sonore e intensità. L'audiometria riveste un ruolo chiave nella diagnosi e nella gestione di diverse condizioni uditiva, tra cui l'ipoacusia e l'acufene.

Tipi di esami audiometrici

Esistono diverse tipologie di esami audiometrici, ciascuna con specifiche caratteristiche e finalità, che verranno analizzate di seguito.

Esame audiometrico tonale

L'audiometria tonale è un metodo diagnostico che valuta la capacità di un individuo di percepire una gamma di toni puri. Questo test è cruciale per stabilire il livello di perdita dell'udito, che può spaziare da lieve a profonda. Durante l'esame, l'individuo indossa delle cuffie attraverso le quali vengono trasmessi toni di diverse frequenze e intensità. I risultati vengono poi riportati su un audiogramma, un grafico che illustra la soglia uditiva dell'individuo a varie frequenze.

L'esame audiometrico tonale si è rivelato fondamentale per la diagnosi precoce della presbiacusia, una forma di perdita dell'udito legata all'età. Grazie a questo test, i medici hanno potuto rilevare la perdita dell'udito in soggetti anziani e prescrivere trattamenti adeguati, come l'uso di apparecchi acustici, per migliorare la loro qualità della vita.

Esame audiometrico vocale

L'audiometria vocale esamina la capacità di un individuo di comprendere la parola parlata. Questo test può contribuire a determinare se la perdita dell'udito è di tipo sensorineurale o conduttivo. Durante l'audiometria vocale, l'individuo ascolta e ripete una serie di parole a diversi volumi, permettendo al medico di stabilire la soglia di comprensione del linguaggio.

Un esempio significativo dell'uso dell'audiometria vocale riguarda la diagnosi della perdita dell'udito nei bambini. Grazie a questo test, i medici hanno potuto identificare i bambini con difficoltà di apprendimento legate a problemi di udito e intervenire con terapie appropriate.

Esame audiometrico infantile

L'esame audiometrico infantile comprende una serie di tecniche usate per valutare l'udito nei neonati e nei bambini piccoli. Questi test sono fondamentali per rilevare i bambini con perdita dell'udito congenita, permettendo un intervento precoce che può avere un impatto significativo sul loro sviluppo linguistico e sociale.

Tramite l'audiometria infantile può essere diagnosticata anche la perdita dell'udito nei neonati affetti da infezione da citomegalovirus congenito e intervenire prontamente con un trattamento che prevenga ulteriori danni all'udito.

Audiometria oggettiva

L'audiometria oggettiva impiega una serie di test che non necessitano di una risposta consapevole da parte del paziente. Questi test sono particolarmente utili per valutare il livello di udito nei bambini piccoli, nelle persone con disabilità cognitive o in individui che non possono partecipare attivamente ai test audiometrici.

Questi test hanno permesso di identificare la perdita dell'udito in individui affetti dalla sindrome di Usher, una condizione genetica che provoca la perdita dell'udito e problemi alla vista, permettendo così un intervento precoce e un adattamento più efficace alle difficoltà sensoriali.

Una donna effettua il test dell'udito e il medico registra i risultati
Controllo gratuito dell'udito

Trova il miglior centro vicino a te e fissa ora un controllo gratuito dell'udito.

Prenota il test dell'udito

Audiometria per via aerea e per via ossea

Nell'audiometria, il suono può essere trasmesso all'orecchio interno attraverso due vie principali: la via aerea e la via ossea. La via aerea coinvolge la trasmissione del suono attraverso l'orecchio esterno e medio, mentre la via ossea coinvolge la trasmissione del suono direttamente all'orecchio interno attraverso le ossa del cranio. Questa distinzione è importante perché le diverse condizioni possono influenzare le vie aeree e ossee in modo diverso, influenzando così i risultati del test audiometrico.

Il ruolo del tecnico audiometrista

Il tecnico audiometrista è un professionista specializzato nell'uso degli strumenti audiometrici. Il suo ruolo è fondamentale negli esami audiometrici, poiché è responsabile della corretta esecuzione del test, dell'interpretazione dei risultati e della comunicazione dei risultati al paziente o al medico. Il tecnico audiometrista deve avere una profonda conoscenza dell'anatomia e della fisiologia dell'orecchio, nonché delle varie condizioni che possono influenzare l'udito.

Preparazione del paziente per l'esame audiometrico

Il dottore sistema le cuffie al paziente

La preparazione del paziente per l'esame audiometrico è un aspetto cruciale del processo. Il paziente deve essere adeguatamente informato sullo scopo e sulla procedura del test.

Inoltre, il tecnico audiometrista deve assicurarsi che l'orecchio del paziente sia libero da cerume o da altre condizioni che potrebbero interferire con l'esame.

La soglia uditiva: definizione e importanza

La soglia uditiva è il livello minimo di suono che un individuo può percepire. È un indicatore chiave della capacità uditiva di una persona e può variare notevolmente tra individui diversi e tra diverse frequenze sonore. La determinazione della soglia uditiva è un elemento fondamentale dell'audiometria, in quanto fornisce informazioni preziose sulla presenza e sulla gravità di qualsiasi perdita dell'udito.

L'orecchio interno e il suo ruolo nell'audiometria

L'orecchio interno, o coclea, svolge un ruolo cruciale nell'udito. È qui che le vibrazioni sonore vengono convertite in segnali elettrici che possono essere interpretati dal cervello. Nell'audiometria, l'orecchio interno è di particolare interesse, poiché le varie condizioni e malattie che influenzano l'orecchio interno possono avere un impatto significativo sulla capacità uditiva di un individuo. Pertanto, una comprensione approfondita dell'orecchio interno e del suo funzionamento è essenziale per l'interpretazione accurata dei risultati audiometrici.

Una donna ha difficoltà ad ascoltare
Scopri di più sulla salute dell'udito

Leggi il nostro Blog per saperne di più sulla salute dell'udito.

Visita il Blog

A cosa serve l'esame audiometrico?

L'audiometria rappresenta un pilastro fondamentale nella diagnosi di diverse malattie dell'orecchio. Questo strumento diagnostico consente di rilevare e quantificare potenziali perdite uditive, di riconoscere la presenza di acufeni e di diagnosticare diverse malattie dell'orecchio interno.

Esame audiometrico per l'ipoacusia

L'ipoacusia può essere classificata in due categorie principali: l'ipoacusia conduttiva e l'ipoacusia neurosensoriale. La prima si verifica quando le onde sonore non riescono a raggiungere l'orecchio interno a causa di un blocco o di un danno all'orecchio esterno o medio. Al contrario, la perdita dell'udito neurosensoriale è causata da un danno alle cellule ciliate dell'orecchio interno o al nervo acustico. L'audiometria, attraverso l'analisi delle risposte del paziente a una serie di toni puri, consente di identificare la tipologia e la gravità della perdita dell'udito.

Attraverso l'esame audiometrico, è possibile identificare anche l'ipoacusia da rumore, una forma di perdita dell'udito che coinvolge entrambe le orecchie ed è causata da una prolungata esposizione al rumore. Questo tipo di sordità ha la peculiarità di colpire principalmente le frequenze più alte, manifestandosi inizialmente nell'esame audiometrico con una diminuzione dell'udito a circa 4000 Hz, seguita poi da un recupero delle frequenze più elevate. Questa specifica evoluzione dell'andamento dell'udito durante l'esame audiometrico è comunemente nota come "morfologia a cucchiaio".

Diagnosi dell'acufene

L’acufene è una condizione caratterizzata da un suono costante o intermittente nell'orecchio, spesso descritto come un fischio, un ronzio o un ticchettio. Nonostante l’acufene non sia una malattia in sé, può essere un sintomo di diverse condizioni, tra cui la perdita dell'udito e le malattie dell'orecchio interno. L'audiometria può essere utilizzata per rilevare la presenza dell'acufene e per determinare la sua frequenza e intensità.

Diagnosi di malattie dell'orecchio interno

Le malattie dell'orecchio interno includono la malattia di Ménière, la neurite vestibolare e la labirintite. Queste condizioni possono causare una serie di sintomi, tra cui vertigini, nausea e perdita dell'udito. L'audiometria può contribuire alla diagnosi di queste malattie, rilevando eventuali anomalie nella risposta dell'orecchio ai suoni.

Esame audiometrico e impedenzometrico

Spesso, insieme all'esame audiometrico viene effettuato l'esame impedenzometrico

L'esame impedenzometrico è utile per valutare il funzionamento del sistema di amplificazione del suono, ma a differenza dell'esame audiometrico, non richiede la partecipazione attiva del paziente. Durante questo esame, viene inserito un cono sonoro nell'orecchio del paziente. Se non si verifica il movimento previsto o se sono presenti altre anomalie, solitamente si tratta di una patologia dell'orecchio medio, come un'otite media effusiva o un'otosclerosi, ad esempio. 

Insieme, questi due esami rappresentano per l'otorinolaringoiatra uno strumento utile per identificare alcune malattie dell'orecchio che non possono essere diagnosticate attraverso una semplice ispezione visiva.

Qual è il costo dell'esame audiometrico tonale?

L'esame audiometrico tonale ha un costo che varia da un minimo di 20 € e un massimo di 270 €, con una media che si aggira intorno ai 70 €.

Per gli aventi diritto, questo esame può anche essere gratuito o avere prezzi agevolati. Tuttavia, il costo del ticket e l'accesso agli esami audiometrici tonali accreditati dal SSN può variare a seconda della regione e delle normative locali.

L'audiometria non è solo un potente strumento diagnostico, ma ha anche un impatto profondo sulla qualità della vita di un individuo. L'audiometria è infatti fondamentale per:

La prevenzione della perdita dell'udito

L'audiometria riveste un ruolo fondamentale nella prevenzione della perdita dell'udito. Gli esami audiometrici regolari possono identificare precocemente eventuali variazioni nella capacità uditiva, permettendo un intervento tempestivo per prevenire ulteriori danni.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che oltre 466 milioni di persone a livello globale soffrano di una qualche forma di perdita dell'udito, molte delle quali avrebbero potuto trarre beneficio da una diagnosi precoce attraverso gli esami audiometrici.

La diagnosi precoce delle malattie dell'orecchio

L'audiometria non solo identifica la perdita dell'udito, ma può anche contribuire alla diagnosi precoce di una serie di malattie dell'orecchio. Queste includono l'otosclerosi, la malattia di Meniere, il neurinoma dell'acustico, e altre condizioni che possono causare sintomi come vertigini, acufene o perdita dell'equilibrio.

Un esame audiometrico può rilevare anomalie nella conduzione del suono attraverso l'orecchio, fornendo indizi cruciali per la diagnosi.

Un miglioramento della qualità della vita

L'audiometria può influire direttamente sulla qualità della vita di un individuo. La perdita dell'udito può portare a isolamento sociale, depressione e riduzione delle capacità cognitive.

Identificando e affrontando la perdita dell'udito attraverso l'esame audiometrico, è possibile trovare delle soluzioni, come l'utilizzzo di apparecchi acustici o un intervento chirurgico, che possono migliorare notevolmente la qualità della vita di una persona.

Ruolo dell'Audiometria nella medicina moderna

La storia dell'audiometria ha le sue radici nel 19° secolo, periodo in cui i medici iniziarono a comprendere l'importanza di misurare l'udito per diagnosticare e curare le patologie dell'orecchio. Nel 1879, il medico britannico Alexander Graham Bell sviluppò il primo audiometro, un dispositivo utilizzato per valutare l'udito. Da quel momento, l'audiometria ha subito innumerevoli evoluzioni e miglioramenti, passando da metodi rudimentali e invasivi a procedure non invasive, precise e digitalizzate.

Nel panorama della medicina moderna, l'audiometria rappresenta un elemento fondamentale nella diagnosi e nel trattamento di una vasta gamma di disturbi dell'udito. Questa procedura permette ai medici di individuare la perdita dell'udito in una fase precoce, consentendo un intervento tempestivo e migliorando significativamente la qualità della vita del paziente. 

Tecnologie emergenti nell'audiometria

L'audiometria sta attraversando un periodo di significativa evoluzione tecnologica. Le innovazioni emergenti stanno rivoluzionando il modo in cui vengono effettuati gli esami audiometrici, garantendo un'elevata precisione e migliorando l'esperienza per i pazienti.

Ad esempio, l'audiometria a frequenza estesa (EFA) è una tecnologia all'avanguardia che amplia la gamma di frequenze esaminate, consentendo una diagnosi più precisa di determinate forme di perdita dell'udito.

Parallelamente, l'audiometria mobile, che sfrutta dispositivi portatili e applicazioni per eseguire test audiometrici, sta guadagnando popolarità, permettendo ai pazienti di effettuare test dell'udito comodamente a casa.

Prospettive e sfide dell'audiometria

Nonostante i notevoli progressi tecnologici, l'audiometria si trova di fronte a diverse sfide future. Tra queste, la necessità di sviluppare tecnologie più sofisticate per la diagnosi delle malattie dell'orecchio.

Un'altra sfida riguarda l'accessibilità dei servizi audiologici, in particolare nelle aree rurali e nei paesi in via di sviluppo.

Infine, c'è l'urgente necessità di formare un numero maggiore di professionisti nel campo dell'audiologia, per rispondere alla crescente domanda di servizi audiologici.

Ricerca e sviluppo nell'audiometria

La ricerca e lo sviluppo giocano un ruolo fondamentale nell'ambito dell'audiometria. Questi permettono lo sviluppo di nuove tecnologie e metodi di test, che possono migliorare la precisione della diagnosi e la qualità dei servizi audiologici.

Inoltre, la ricerca può portare a una migliore comprensione delle malattie dell'orecchio, che può a sua volta condurre allo sviluppo di nuovi trattamenti. 

Vuoi tornare a sentirci? EarPros ti può aiutare!

Registrati per ottenere subito una consulenza gratuita con un audioprotesista abilitato per determinare se soffri di perdita dell'udito.

I benefici di EarPros:

  • Oltre 1.000 punti vendita
  • Audioprotesisti preparati
  • Consulenza gratuita

Please use a valid US zipcode.

Per favore usa un CAP valido.

Grazie per averci contattati

Ti chiameremo il prima possibile per organizzare l'appuntamento.

Articoli correlati

Un dottore con in mano uno stetoscopio

Salute Uditiva

Dolore al collo e all'orecchio

Scopri di più
Mano che indica l'orecchio di una donna

Salute Uditiva

Brufoli e foruncoli nell'orecchio

Scopri di più

Salute Uditiva

Eccessiva produzione cerume

Scopri di più
Un uomo anziano in un party rumoroso

Salute Uditiva

Apparecchi acustici in farmacia: prezzi

Scopri di più
Fissa un consulto gratuito sugli apparecchi acustici