Vertigine posizionale parossistica benigna: Cause e Rimedi

Vista su una scala che scende

La vertigine posizionale parossistica benigna, o VPPB, è uno dei problemi più comuni che colpiscono l'orecchio interno, ed è una delle principali cause di vertigini.

Come suggerisce il nome, questa condizione non è pericolosa per la vita, ma può essere estremamente fastidiosa. Si manifesta all'improvviso con attacchi di vertigini da lievi a intensi, che generalmente durano meno di un minuto. Questi episodi sono scatenati da specifiche posizioni della testa e causano una sensazione falsa di rotazione. Chiunque abbia sperimentato la VPPB sa quanto i sintomi possano essere impegnativi e debilitanti.

86%

Quasi l'86% dei soggetti affetti da VPPB subisce qualche interruzione delle attività quotidiane.

Quante persone soffrono di VPPB?

A circa il 17-42% delle persone che soffrono di vertigini viene diagnosticata la vertigine posizionale parossistica benigna.

Quasi l'86% dei soggetti affetti da VPPB subisce qualche interruzione delle attività quotidiane e perde giorni di lavoro.

Circa il 68% delle persone affette da VPPB riduce il proprio carico di lavoro, il 4% cambia lavoro e il 6% lascia il lavoro a causa di questa condizione.

Una ragazza soffre di mal d'orecchio
Infezioni dell'orecchio

Scopri le possibili infezioni che possono svilupparsi nell'orecchio e i loro rimedi.

Scopri di più

Cause della VPPB

La vertigine posizionale parossistica benigna è causata dai piccoli cristalli di carbonato di calcio presenti nell'utricolo, un organo dell'orecchio interno che aiuta a mantenere l'equilibrio. Quando queste particelle si liberano e si spostano nei tre canali semicircolari dell'orecchio interno, si verifica la VPPB. Come menzionato in precedenza, il disturbo è scatenato dal movimento della testa in posizioni specifiche, ad esempio piegarsi in avanti per raccogliere qualcosa dal pavimento, poiché questo movimento fa sì che i cristalli si spostino e causino vertigini.

La VPPB è più comune tra le persone di 60 anni e oltre, probabilmente a causa dei cambiamenti nei vasi sanguigni e nella circolazione dell'orecchio interno dovuti all'invecchiamento. La condizione è spesso considerata come un cambiamento degenerativo dell'orecchio interno associato all'invecchiamento. Circa il 50% delle persone di 65 anni e oltre sperimenta almeno un episodio di VPPB. Inoltre, gli adulti anziani con VPPB hanno un maggiore rischio di cadute, depressione e limitazioni nelle attività quotidiane.

Alcuni studi suggeriscono che i fattori di rischio cerebrovascolare possono influenzare la ricorrenza della VPPB e la gravità dei sintomi. Ad esempio, è stata osservata una correlazione tra VPPB e un aumento del rischio di ictus ischemico. Inoltre, le persone con VPPB e livelli elevati di pressione sanguigna e colesterolo hanno maggiori probabilità di sperimentare nuovamente i sintomi.

È importante notare che, sebbene l'invecchiamento sia un fattore di rischio per la VPPB, uno studio recente ha dimostrato che non è associato alle recidive. Altri fattori di rischio includono traumi, infezioni o malattie dell'orecchio interno, diabete, osteoporosi e intubazione prolungata.

Una donna effettua un test dell'udito
Controllo gratuito dell'udito

Trova il miglior centro vicino a te e fissa ora un controllo gratuito dell'udito.

Prenota il test dell'udito

Vertigine parossistica posizionale benigna: sintomi

I sintomi della VPPB sono simili a quelli di altri tipi di vertigini, ma la durata degli episodi è generalmente molto più breve. Gli episodi di VPPB possono presentare i seguenti sintomi:

  • Vertigini
  • Perdita di equilibrio o instabilità
  • Nausea
  • Vomito
  • Movimenti ritmici anomali degli occhi (nistagmo)

Diagnosi della VPPB

Per diagnosticare la vertigine posizionale parossistica benigna (VPPB), i medici utilizzano due test fondamentali: la manovra di Dix-Hallpike e il Roll Test.

Durante la manovra di Dix-Hallpike, il soggetto viene fatto sedere sul lettino con la testa ruotata a 45 gradi a destra. Successivamente, la testa viene abbassata lentamente, mantenendo la stessa rotazione a 45 gradi e la schiena inclinata a circa 20 gradi dal lettino. Si può osservare un breve ritardo di circa 5-10 secondi (conosciuto come latenza) prima che compaiano le vertigini e il nistagmo. Questi sintomi durano da 10 a 30 secondi e poi diminuiscono fino a scomparire, dimostrando la caratteristica affaticabilità della VPPB.

Tuttavia, in alcuni casi in cui i medici non sono sicuri della causa delle vertigini o se sospettano la presenza di altri disturbi potenzialmente pericolosi, possono essere eseguiti esami di diagnostica per immagini, come la risonanza magnetica con contrasto di gadolinio.

La diagnosi accurata della VPPB è essenziale per garantire un trattamento adeguato e il miglioramento della qualità di vita del paziente.

Tempi di guarigione della VPPB

Una donna soffre di vertigini

Nella maggior parte dei casi, la vertigine posizionale parossistica benigna (VPPB) si risolve spontaneamente entro poche settimane dal primo episodio. Si ritiene che i piccoli frammenti nell'orecchio responsabili della vertigine si dissolvano o si posizionino in modo da non causare fastidi. Tuttavia, in alcuni casi, la BPPV può ricomparire.

Fino alla scomparsa dei sintomi o al trattamento della condizione, il paziente dovrà:

  • Alzarsi dal letto lentamente.
  • Evitare attività che richiedono di guardare in alto, come imbiancare, decorare o cercare qualcosa in scaffali alti.

Se i sintomi persistono per più di alcune settimane, è consigliabile cercare un trattamento adeguato.

Trattamenti ed esercizi per la VPPB

Manovra di Epley

La manovra di Epley è considerata il trattamento standard ed è sia indolore che facile da eseguire. Questa procedura coinvolge una serie di quattro movimenti rapidi della testa e del corpo, passando dalla posizione seduta a quella sdraiata, ruotando e ritornando alla posizione seduta. Questi movimenti consentono ai cristalli dislocati di migrare dai canali semicircolari all'utricolo, portando sollievo a circa l'85-90% delle persone dopo uno o due trattamenti.

Prima di eseguire la manovra di Epley, è fondamentale ottenere una valutazione per determinare quale orecchio è coinvolto, al fine di evitare ulteriori danni.

Nel caso in cui i sintomi persistano nonostante il trattamento, è consigliabile consultare un terapista di riabilitazione vestibolare, che suggerirà specifici esercizi mirati per ripristinare la stabilità e l'equilibrio. Una diagnosi accurata è essenziale poiché i sintomi potrebbero essere indicativi di una patologia più grave. Pertanto, non esitare a consultare un professionista autorizzato per la cura dell'udito non appena possibile.

Esercizi di Brandt-Daroff

Gli esercizi di Brandt-Daroff rappresentano un'altra efficace manovra che può essere eseguita comodamente a casa per il trattamento della vertigine posizionale parossistica benigna (BPPV). Questa tecnica risulta particolarmente utile nel caso in cui il canale semicircolare posteriore non sia coinvolto, ma sia colpito il canale laterale. L'approccio consiste nel rotolare come tronchi, il che contribuisce ad alleviare i sintomi in questa specifica situazione.

Per ottenere il massimo beneficio da questi esercizi, è consigliabile ripeterli tre o quattro volte al giorno per due giorni consecutivi. Talvolta, i sintomi possono migliorare significativamente già dopo questa breve routine, ma in alcuni casi il miglioramento può perdurare anche per due settimane. Questa semplice pratica può rappresentare un valido aiuto nel gestire la BPPV e migliorare il benessere generale del paziente.

Tuttavia, è sempre importante consultare un professionista autorizzato per la cura dell'udito o un medico esperto prima di avviare qualsiasi trattamento autonomo.

Farmaci soppressori vestibolari

Possono essere prescritti dal medico anche dei farmaci soppressori vestibolari, ma è importante notare che questi farmaci, come meclizina o benzodiazepine (come diazepam o lorazepam), possono fornire un sollievo a breve termine, ma non sono raccomandati per un uso prolungato e possono addirittura peggiorare i sintomi.

Chirurgia

Se la manovra di spostamento non si rivela efficace nel trattamento della vertigine posizionale parossistica benigna (VPPB), i medici possono procedere con ulteriori indagini per escludere la presenza di altre condizioni più gravi che potrebbero essere responsabili dei sintomi. La chirurgia è un'opzione estremamente rara nel trattamento della VPPB e viene considerata solo in casi eccezionali in cui i sintomi di vertigine persistono per lunghi periodi, come mesi o addirittura anni. In queste circostanze particolari, l'intervento chirurgico potrebbe essere considerato come opzione terapeutica.

In questo caso, l'intervento consiste nel bloccare uno dei canali dell'orecchio per ridurre o eliminare le vertigini

Vuoi tornare a sentirci? EarPros ti può aiutare!

Registrati per ottenere subito una consulenza gratuita con un audioprotesista abilitato per determinare se soffri di perdita dell'udito.

I benefici di EarPros:

  • Oltre 1.000 punti vendita
  • Audioprotesisti preparati
  • Consulenza gratuita

Please use a valid US zipcode.

Per favore usa un CAP valido.

Grazie per averci contattati

Ti chiameremo il prima possibile per organizzare l'appuntamento.

Articoli correlati

Bambina che si tocca l'orecchio per il dolore

Malattie dell'orecchio

Mal d'orecchio e bambini: cure e sintomi

Scopri di più
Un uomo anziano con suo nipote che si sorridono reciprocamente

Malattie dell'orecchio

Parotite e orecchioni: sintomi e cure

Scopri di più
Una donna che tiene la testa tra le mani per il dolore

Malattie dell'orecchio

Dolore alla testa e all'orecchio

Scopri di più
Persona anziana che indica il suo orecchio

Malattie dell'orecchio

Vibrazione nell'orecchio

Scopri di più
Scopri di più sulle patologie dell'orecchio