La Manovra di Valsalva per stappare le orecchie

Una donna soffre di mal d'orecchio

Cos'è la Manovra di Valsalva?

La manovra di Valsalva è un procedimento che coinvolge un'ispirazione profonda seguita da un'espirazione forzata a glottide chiusa della durata di 10 secondi. Questa tecnica, originariamente utilizzata dagli arabi nel XI secolo, è stata resa famosa dal medico italiano Antonio Maria Valsalva, vissuto tra il 1600 e il 1700.

A cosa serve la Manovra di Valsalva?

Stappare le orecchie

Tra i suoi molteplici impieghi, la Manovra di Valsalva è utilizzata per equalizzare la pressione nell'orecchio medio, specialmente in situazioni in cui si verificano repentini cambiamenti di pressione, come durante le immersioni subacquee o i voli in aereo. Durante queste attività, la pressione atmosferica può chiudere le tube di Eustachio, ostacolando la normale equalizzazione della pressione attraverso il timpano. La sensazione che si avverte è di avere le orecchie tappate.

Tuttavia, è fondamentale esercitare cautela nell'uso di questa tecnica, poiché una sua esecuzione errata può comportare il rischio potenziali danni uditivi.

Gestire la tachicardia

La manovra di Valsalva non è limitata all'equalizzazione dell'orecchio, ma è utilizzata anche per far abbassare la frequenza cardiaca. Nel caso di tachicardia, si inizia con una fase di compressione intratoracica seguita da un rilascio controllato. Questo processo aiuta a ripristinare il ritmo cardiaco normale.

Far passare un singhiozzo

La manovra di Valsalva può essere impiegata anche come rimedio per calmare un episodio di singhiozzo. In aggiunta ai metodi tradizionali, come bere un bicchiere d'acqua (possibilmente tappando il naso) o trattenere il respiro per almeno 20 secondi, la manovra di Valsalva consiste nel tappare il naso e aumentare la pressione toracica e viscerale.

Questo approccio tende ad aumentare la pressione intraddominale e intratoratica, il che può contribuire a interrompere il singhiozzo. 

Diagnosticare piccole ernie

In presenza di ernia, questa tecnica può essere utilizzata per diagnosticare piccole ernie nelle loro fasi iniziali. La manovra di Valsalva aumenta la pressione nella cavità interessata, facilitando la rilevazione dell'ernia attraverso la palpazione.

Confermare la presenza di varicocele

Il varicocele è una patologia che riguarda la dilatazione delle vene del plesso pampiniforme, presente nello scroto, e spesso viene paragonato alle vene varicose che si possono avere sulle gambe.

Una delle tecniche diagnostiche più frequentemente utilizzate per confermare la presenza di un varicocele è la manovra di Valsalva. Questa manovra consiste nel far compiere al paziente un'azione di forza espulsiva, come se stesse cercando di espirare con la bocca e il naso chiusi, determinando così un aumento della pressione addominale. Durante questa azione, in presenza di un varicocele, le vene dilatate dello scroto si riempiranno di sangue e diventeranno più evidenti e palpabili.

La manovra di Valsalva, sebbene semplice, può offrire al medico indicazioni preziose sulla presenza e sulla gravità del varicocele, guidando la decisione sul possibile trattamento chirurgico o altre terapie. Tuttavia, è fondamentale ricordare che questa manovra dovrebbe essere eseguita solo da professionisti adeguatamente formati e in un contesto clinico appropriato.

Migliorare l'esercizio fisico

Per chi frequenta la palestra, è importante sottolineare che la manovra di Valsalva è essenziale durante alcune attività fisiche come il sollevamento pesi, il bodybuilding e gli esercizi che coinvolgono i muscoli spinali e lombari, come lo squat. In queste situazioni, è fondamentale conoscere la corretta esecuzione della tecnica per evitare il rischio di erniazioni discali e altre lesioni alla colonna vertebrale.
Una donna effettua il test dell'udito e il medico registra i risultati
Controllo gratuito dell'udito

Trova il miglior centro vicino a te e fissa ora un controllo gratuito dell'udito.

Prenota il test dell'udito

Come eseguire la Manovra di Valsalva

Per eseguire la manovra di Valsalva in modo corretto, seguire questi passaggi:

  • Inspirare profondamente.
  • Tappare il naso con le dita.
  • Eseguire un'espirazione forzata a bocca chiusa mentre si contraggono i muscoli addominali.

Rischi associati alla Manovra di Valsalva

La manovra di Valsalva, pur essendo un potente strumento con molteplici applicazioni, non è priva di rischi, soprattutto quando eseguita in modo frequente o in determinate condizioni. Questa tecnica può comportare vari effetti collaterali, tra cui:

Problemi Posturali: L'uso eccessivo della manovra di Valsalva può influire sulla postura corporea, causando squilibri muscolari e tensioni.

Rigidità Muscolare: La contrazione prolungata dei muscoli coinvolti nella manovra può portare a rigidità muscolare e disagio.

Problemi Respiratori: La sovrapressurizzazione durante la manovra può influire negativamente sulla respirazione, causando difficoltà o disfunzioni respiratorie.

Variazioni della Pressione Sanguigna: La pressione generata dalla manovra può determinare variazioni significative della pressione sanguigna, il che potrebbe essere rischioso per chi ha problemi cardiovascolari.

Variazioni della Pressione Intracranica.

Inoltre, è importante notare che la sovrapressurizzazione dell'orecchio durante la manovra può danneggiare l'apparato uditivo, con il rischio di provocare danni all'udito.

In conclusione, la manovra di Valsalva è una tecnica potente, ma va eseguita con estrema cautela per evitare rischi per la salute. È essenziale consultare sempre un professionista medico prima di utilizzare questa tecnica in contesti specifici, specialmente se si hanno preoccupazioni o condizioni mediche preesistenti che potrebbero aumentare i rischi associati a questa tecnica. La cautela e la consapevolezza dei propri limiti sono fondamentali per preservare la salute e prevenire potenziali complicazioni.

Una donna ha difficoltà ad ascoltare
Scopri di più sulla salute dell'udito

Leggi il nostro Blog per saperne di più sulla salute dell'udito.

Visita il Blog

Domande Frequenti sulla Manovra di Valsalva

La Manovra di Valsalva è pericolosa?

La manovra di Valsalva, se eseguita correttamente e in un contesto appropriato, generalmente non è pericolosa per la maggior parte delle persone sane. Tuttavia, può comportare rischi in individui con determinate condizioni mediche, come problemi cardiaci, ipertensione o aneurismi.

Durante la manovra, la pressione intratoracica e intra-addominale aumenta, influenzando temporaneamente la circolazione sanguigna e la pressione arteriosa. Per questo motivo, è fondamentale che venga eseguita sotto la guida o la supervisione di un professionista sanitario, in particolare se la persona ha condizioni mediche preesistenti o se la manovra viene utilizzata come parte di un test diagnostico.

In sintesi, anche se la manovra di Valsalva può essere utile in alcune situazioni diagnostiche, è essenziale essere consapevoli delle possibili complicazioni e agire con prudenza.

Esistono alternative per stappare le orecchie?

Oltre alla Manovra di Valsalva, esistono alternative efficaci per equalizzare la pressione nelle orecchie, soprattutto in situazioni come le immersioni subacquee o i voli in aereo. Una di queste è la manovra Frenzel, nota anche come Manovra di Marcante-Odaglia. Questa tecnica di compensazione sfrutta la chiusura delle vie respiratorie inferiori e superiori in modo da non sollecitare i polmoni.

Per eseguire la manovra Frenzel, si inizia spingendo la lingua verso la gola, creando un movimento simile a una deglutizione. Subito dopo, si spinge la lingua verso il palato molle, per esercitare una spinta verso l'orecchio medio. Nel frattempo, è importante chiudere le vie respiratorie superiori tappando il naso. Questa tecnica può essere particolarmente utile per liberare le orecchie dall'accumulo di pressione durante le attività subacquee.

Inoltre, ci sono altri metodi che possono essere utilizzati per stappare le orecchie, soprattutto durante il volo, tra cui masticare una gomma o succhiare una caramella, sbadigliare e deglutire, utilizzare spray nasali specifici o antistaminici per le orecchie tappate da allergie, nonché l'uso di tappi per le orecchie con filtri antipressione.

Tuttavia, se nonostante questi sforzi non si riesce ad alleviare la pressione delle orecchie, è sempre consigliabile consultare un medico per una valutazione più approfondita.

Vuoi tornare a sentirci? EarPros ti può aiutare!

Registrati per ottenere subito una consulenza gratuita con un audioprotesista abilitato per determinare se soffri di perdita dell'udito.

I benefici di EarPros:

  • Oltre 1.000 punti vendita
  • Audioprotesisti preparati
  • Consulenza gratuita

Please use a valid US zipcode.

Per favore usa un CAP valido.

Grazie per averci contattati

Ti chiameremo il prima possibile per organizzare l'appuntamento.

Articoli correlati

Giovane donna che esprime dolore

Salute Uditiva

Gocce per orecchie: come usarle

Scopri di più
Giovane donna che si tiene entrambe le orecchie per il dolore

Salute Uditiva

Dolore a tonsilla e orecchio: sintomi

Scopri di più
Mano che indica l'orecchio di una donna

Salute Uditiva

Brufoli e foruncoli nell'orecchio

Scopri di più
Un medico che somministra delle gocce nell'orecchio di una paziente

Salute Uditiva

Infezioni dovute ai piercing

Scopri di più
Fissa un consulto gratuito sugli apparecchi acustici