Conoscere l’ipoacusia, ovvero la perdita dell’udito, può aiutarti a fare il primo passo importante: riconoscere di avere una condizione che è possibile trattare. E se per caso sei uno dei milioni di individui alle prese con l’ipoacusia, non devi soffrire in silenzio. Una vasta gamma di soluzioni è a tua disposizione per ovviare a questo problema. 

Quindi, cosa significa soffrire di ipoacusia? 
  • Quando l’ipoacusia è lieve, forse non riuscirai a percepire il fruscio delle foglie, il normale respiro, i sussurri o magari non sarai in grado di seguire una conversazione in un ambiente rumoroso. 
  • Con un’ipoacusia moderata troverai più difficoltoso seguire le conversazioni senza l’ausilio di apparecchi acustici, anche in assenza di rumori di fondo. 
  • Quando l’ipoacusia diventa grave, puoi arrivare a non sentire il rumore di un aspirapolvere o di un asciugacapelli in funzione nella tua stessa stanza. 
  • Quando soffri di ipoacusia profonda, i suoni che molte persone trovano insopportabili, come motociclette, frullatori o tosaerba, non ti daranno nessun fastidio.

La gravità dell’ipoacusia, la sua causa e la parte interessata dell’orecchio possono variare considerevolmente da persona a persona. Si può soffrire di ipoacusia in un orecchio o in entrambe le orecchie. Se sono colpite entrambe le orecchie, l’udito in un orecchio può essere migliore che nell’altro. Se l’ipoacusia è graduale, probabilmente non la noterai allo stesso modo di quando insorge improvvisamente. I tipi principali di ipoacusia sono tre: neurosensoriale, conduttiva e mista. Imparare a conoscerli dovrebbe aiutarti ad esprimerti meglio nel comunicare al medico questo tuo problema e ad orientare il tuo trattamento.

Che cos’è l’ipoacusia neurosensoriale?

L’ipoacusia neurosensoriale, che colpisce la coclea (orecchio interno), è di gran lunga il tipo di ipoacusia più comune fra gli adulti e rappresenta il 90% di tutti i casi. È causata da un danno alla cavità a spirale dell’orecchio interno o da un danno al nervo uditivo. Di conseguenza, il suono non può essere convertito in segnali elettrici che il nervo uditivo è in grado di trasmettere al cervello. 

Quali sono le cause?

  1. Invecchiamento
    Se hai 65 anni o più, forse hai già qualche difficoltà a conversare con amici e familiari, capire i consigli del tuo medico o sentire il campanello della porta di casa. Magari alzi un po’ troppo il volume della televisione o della radio. Se ti riesce difficile accettare questa forma di ipoacusia correlata all’età, si tratta di una reazione comune e assolutamente comprensibile. Il termine per definire l’ipoacusia neurosensoriale legata all’invecchiamento è presbiacusia. Il sottotipo più comune è la presbiacusia sensoriale, caratterizzata da una perdita dell’udito alle alte frequenze che spesso colpisce entrambe le orecchie allo stesso modo. Questo tipo di ipoacusia si verifica gradualmente nel tempo, quindi potresti anche non renderti conto di non riuscire a sentire bene. 

  2. Malattie cardiovascolari
    Molti disturbi del sistema vascolare possono ripercuotersi sulla circolazione sanguigna dell’orecchio interno, causando un’ipoacusia permanente o transitoria. 

  3. Malattie autoimmuni 
    La maggior parte dei pazienti con sindrome di Sjögren presenta secchezza delle mucose, che può provocare lesioni alle orecchie e grave ipoacusia neurosensoriale. Altri disturbi autoimmuni come il lupus eritematoso sistemico e l’artrite reumatoide causano questo problema con minore frequenza.

  4. Infezioni virali
    L’ipoacusia di origine virale può essere congenita o acquisita, monolaterale (da una parte) o bilaterale (da entrambe le parti). La maggior parte dei casi di ipoacusia indotta da virus è neurosensoriale, sebbene alcuni virus possano causare ipoacusia conduttiva e mista. La perdita di udito è associata a malattie come meningite, parotite, scarlattina, morbillo, rosolia, herpes simplex 2, HIV e West Nile. Prima della diffusione dei vaccini, il morbillo era responsabile del 5-10% dei casi di ipoacusia profonda negli Stati Uniti. Con la recente epidemia di morbillo, i casi di ipoacusia potrebbero aumentare.

  5. Trauma cranico
    A causa della sua natura improvvisa e violenta, il trauma cranico può causare ipoacusia, oltre a problemi vestibolari (equilibrio) e uditivi centrali. L’ipoacusia correlata a un trauma cranico può essere di tipo neurosensoriale o conduttivo,

  6. Indotta dal rumore
    L’ipoacusia causata dall’esposizione a rumori forti è comune e negli Stati Uniti riguarda all’incirca da 10 a 40 milioni di adulti sotto i 70 anni. Se sei stato esposto a rumori estremamente forti ripetutamente per un lungo periodo di tempo o anche solo una volta, questa esposizione potrebbe aver danneggiato le delicate strutture dell’orecchio.

  7. Sindrome di Ménière
    Oltre a gravi vertigini, questa malattia può causare acufene (ronzio nelle orecchie), una sensazione di udito ovattato o bloccato e una sensazione di congestione, pienezza o pressione nell’orecchio interessato. Se l’orecchio interno si riempie di liquido in eccesso, ciò può danneggiare le delicate cellule ciliate dell’orecchio interno, provocando un’ipoacusia permanente.

  8. Tumori benigni e maligni
    I neurinomi acustici (schwannomi vestibolari) sono tumori benigni dell’ottavo nervo cranico che possono causare ipoacusia. Si stima che il 20% degli adulti con questi tumori soffra di ipoacusia. Altri tumori che possono causare ipoacusia includono i paragangliomi e i tumori del sacco endolinfatico.

  9. Un effetto collaterale di particolari farmaci
    Secondo l’American Speech-Language-Hearing Association, oltre 200 diversi medicinali hanno effetti collaterali legati all’udito. I più comuni includono aspirina a dosi molto elevate, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come ibuprofene e naprossene, aminoglicosidi, amoxicillina (l’antibiotico più prescritto), alcuni farmaci chemioterapici e diuretici dell’ansa.

Quali sono i sintomi?

I sintomi più comuni riguardano chiarezza e intensità dei suoni. I sintomi possono essere fisici e comportamentali: 

  • Discorsi e altri suoni arrivano ovattati
  • Difficoltà a comprendere le parole, specialmente in presenza di molte persone o con rumore di fondo
  • Difficoltà a percepire alcuni particolari suoni consonantici (ad es. “s” o “f”) 
  • Necessità di chiedere spesso agli altri di parlare più lentamente, più chiaramente e più forte
  • Necessità di aumentare il volume del televisore, della radio o del computer
  • Tendenza a evitare le conversazioni
  • Tendenza a ritirarsi da alcuni contesti sociali

Come si cura l’ipoacusia neurosensoriale?

Se l’ipoacusia riguarda entrambe le orecchie e peggiora nel corso dei mesi, oppure è correlata a una malattia autoimmune dell’orecchio interno, il medico prescriverà probabilmente corticosteroidi a lungo termine e, in alcuni casi, una terapia farmacologica. Se l’ipoacusia è correlata alla sindrome di Ménière, il medico potrà consigliare una dieta a basso contenuto di sodio e prescrivere diuretici e/o corticosteroidi. Quando l’ipoacusia neurosensoriale non può essere risolta, gli apparecchi acustici o gli impianti cocleari possono migliorare l’udito e probabilmente la capacità di apprezzare ancora la vita.

Che cos’è l’ipoacusia conduttiva?

Se soffri di ipoacusia conduttiva, i suoni hanno difficoltà a passare dall’orecchio esterno all’orecchio medio a causa di ostruzioni o danni all’orecchio esterno, al canale uditivo o all’orecchio medio. Questo tipo di ipoacusia è in genere lieve o moderata, quindi i suoni più forti possono sembrare ovattati.

Quali sono le cause?

  1. Disfunzioni della tromba di Eustachio
    Se hai problemi di udito ovattato o diminuito, potrebbe trattarsi di un’ostruzione della tromba di Eustachio. La tromba di Eustachio collega la parte posteriore del naso all’orecchio medio. Una disfunzione della tromba di Eustachio può verificarsi quando la mucosa che riveste questo condotto si gonfia oppure il condotto non si apre o chiude correttamente.

  2. Fluido nell’orecchio medio correlato a raffreddori o allergie
    Le allergie possono causare gonfiore, pressione e accumulo di fluido nel condotto che collega le orecchie al naso e alla gola, addirittura fino a bloccarlo completamente. Quando ciò accade, è possibile che si verifichi una temporanea diminuzione dell’udito.

  3. Infezione dell’orecchio (otite media)
    Questa comune infiammazione dell’orecchio medio può essere scatenata da un’infezione o dalla presenza di liquido nell’orecchio medio. Se nuoti, probabilmente ti è entrata dell’acqua nelle orecchie, che per fortuna di solito fuoriesce senza causare un’infezione all’orecchio. Questa condizione è la causa più comune di ipoacusia acquisita intermittente, da lieve a moderata, nei bambini.

  4. Otosclerosi
    Questo disturbo, che consiste in una crescita anomala dell’osso dell’orecchio medio, impedisce il corretto funzionamento delle strutture nell’orecchio.

  5. Rottura del timpano
    Questa situazione, che il medico definisce come perforazione della membrana timpanica, può verificarsi per un’infiammazione o un’infezione nell’orecchio medio, un colpo inflitto all’orecchio, un trauma cranico o l’inserimento di un bastoncino cotonato troppo in profondità nel canale uditivo. Tuttavia, per dirla in parole povere, significa proprio che si è formato un buco nel timpano. Se si sviluppa un’infezione, l’ipoacusia può peggiorare.

  6. Tumori benigni
    Sebbene non siano maligni, i tumori che colpiscono l’orecchio medio possono determinare ipoacusia. Questi rari tipi di tumori sono chiamati paragangliomi.

  7. Accumulo di cerume nel canale uditivo
    Anche se un po’ sgradevole, il cerume è una sostanza molto utile perché protegge e pulisce il canale uditivo. Se si produce troppo cerume, tuttavia, si possono avere dei problemi. Un eccesso di cerume può impedire al suono di propagarsi dall’orecchio esterno all’orecchio interno. Con l’avanzare dell’età, il cerume può diventare più duro ed è più facile che si accumuli nel canale uditivo. La tentazione è quella di rimuoverlo dalle orecchie con i bastoncini cotonati, ma questa manovra può danneggiare il canale uditivo. È importante invece rivolgersi al medico per un trattamento adeguato, che prevede l’applicazione di farmaci nel canale uditivo per ammorbidire il cerume, l’irrigazione con acqua o l’uso di strumenti speciali per rimuovere il tappo di cerume.

  8. Infezione del canale uditivo (otite esterna)
    Un’infezione acuta della pelle che riveste il canale uditivo può causare gonfiore e la chiusura del canale, con conseguente ipoacusia.

  9. Malformazioni dell’orecchio medio
    Una vasta gamma di difetti congeniti può interessare le orecchie di un bambino al momento della nascita. Quando è l’orecchio medio ad essere coinvolto, si può verificare un’ipoacusia.

Quali sono i sintomi?

Questi sono i sintomi che potresti avvertire in caso di ipoacusia conduttiva:

  • I normali suoni di ogni giorno sembrano più ovattati
  • La qualità dell’udito è diversa da un orecchio all’altro
  • Difficoltà a sentire le conversazioni (ad es. al telefono)
  • La qualità del suono è meno chiara o netta
  • I suoni alti e bassi sono ridotti
  • Sensazione di pressione in un orecchio o in entrambe le orecchie
  • Cattivo odore proveniente dal canale uditivo

Come viene trattata l’ipoacusia conduttiva?

In alcuni casi, il trattamento medico può risolvere l’ipoacusia temporanea. Se l’ipoacusia è permanente, diversi tipi di apparecchi acustici possono aiutarti a sentire meglio amplificando i suoni e consentendoti nuovamente di vivere in modo appagante. Alcune persone traggono beneficio anche da dispositivi di ascolto assistito che amplificano i suoni (ad es. telefoni o cuffie con amplificazione).

Cos’è l’ipoacusia mista?

Con il termine ipoacusia mista ci si riferisce a un’ipoacusia di tipo sia conduttivo che neurosensoriale (i due tipi già discussi in questo articolo). In parole povere significa che ci sono danni sia all’orecchio esterno o medio sia all’orecchio interno o al nervo uditivo. 

Quali sono le cause?

L’ipoacusia mista può essere causata da qualsiasi combinazione di problemi responsabili di ipoacusia neurosensoriale e conduttiva. Ad esempio, potresti avvertire temporaneamente la presenza di liquido nell’orecchio medio a causa di un’allergia e avere già un’ipoacusia permanente dovuta all’esposizione a forte rumore. Oppure potresti avere un’ipoacusia residua dopo il trattamento per un neurinoma acustico e successivamente sviluppare un’ipoacusia temporanea a causa dell’accumulo di cerume nel canale uditivo.

Quali sono i sintomi?

Se soffri di l’ipoacusia mista, manifesterai una combinazione di sintomi neurosensoriali e conduttivi. I suoni potranno risultare più attenuati come intensità e più difficili da capire. Se un tipo di ipoacusia è peggiore dell’altro, questi sintomi saranno più evidenti.

Come viene trattata l’ipoacusia mista?

Sebbene la maggior parte dei casi venga trattata con apparecchi acustici, per i casi di ipoacusia neurosensoriale (ad es. sindrome di Ménière) è necessario una terapia medica. L’ipoacusia conduttiva spesso può essere corretta con un trattamento medico o chirurgico. In genere il trattamento prevede una combinazione di terapie mediche o chirurgiche insieme all’uso di apparecchi acustici, impianti o dispositivi di assistenza.

Se pensi di soffrire di ipoacusia, fissa al più presto un appuntamento con il medico di famiglia, che potrebbe essere in grado di diagnosticare e trattare il tuo problema di udito. Il medico potrà indicarti un otorinolaringoiatra (medico specializzato nella cura dell’orecchio, del naso e della gola) o un audiologo (un professionista sanitario in grado di identificare e valutare l’ipoacusia). Questo secondo passo è importante e, dopo averlo fatto, ti renderai conto che l’ipoacusia non deve per forza rovinarti la vita!

Scopri di più sui tipi di ipoacusia

Vuoi tornare a sentirci? EarPros ti può aiutare!

Registrati per ottenere subito una consulenza gratuita con un audioprotesista abilitato per determinare se soffri di perdita dell'udito.

I benefici di EarPros:

  • Oltre 1.000 punti vendita
  • Audioprotesisti preparati
  • Consulenza gratuita

Please use a valid US zipcode.

Per favore usa un CAP valido.

Grazie per averci contattati

Ti chiameremo il prima possibile per organizzare l'appuntamento.
Prenota un consulto gratuito sugli apparecchi acustici