Cosa fare in caso di gonfiore nell'orecchio o dietro l'orecchio?

Un medico visita dietro l'orecchio di una paziente

Perché ho un gonfiore sull'orecchio?

Le orecchie possono essere affette da diverse patologie o disturbi che portano alla formazione di noduli o gonfiore anomalo. Le cause di questi disturbi possono essere legate o meno a delle infezioni in corso. Nel caso di infezioni, queste possono essere batteriche o fungine e colpiscono specifiche zone dell'orecchio, causando dolore, gonfiore e formazione di noduli. Altri fattori al di là delle infezioni possono essere l'occlusione delle ghiandole, tumori benigni o formazione di tessuto cicatriziale.

Otite esterna (Otite del nuotatore)

Quando l'acqua penetra nell'orecchio durante attività come il nuoto o il bagno, compromette la barriera protettiva naturale del condotto uditivo, consentendo a batteri o funghi di proliferare. Di conseguenza, il sistema immunitario del corpo reagisce, provocando infiammazione, dolore e la formazione di gonfiori.

I sintomi dell'otite esterna includono:

  • Dolore all'orecchio
  • Prurito
  • Rossore
  • Gonfiore
  • Liquido che esce dall'orecchio

Le opzioni di trattamento possono includere:

  • Gocce auricolari antibiotiche o antimicotiche per eliminare l'infezione
  • Antibiotici per via orale nei casi gravi
  • Mantenere l'orecchio asciutto ed evitare ulteriori esposizioni all'acqua finché l'infezione non si è risolta.

Otite media (Infezione dell'orecchio medio)

La causa più comune dell'otite media è la diffusione di batteri o virus dal tratto respiratorio all'orecchio medio attraverso le tube di Eustachio. Queste tube normalmente contribuiscono a equilibrare la pressione tra l'orecchio medio e la gola, ma possono occludersi, causando accumulo di liquido e un'infezione.

I sintomi delle infezioni dell'orecchio medio includono:

  • Dolore all'orecchio
  • Perdita dell'udito
  • Febbre
  • Sensazione di pienezza nell'orecchio

Le opzioni di trattamento possono includere:

  • Antibiotici per eliminare l'infezione
  • Analgesici per alleviare il disagio
  • Miringotomia (drenaggio chirurgico del liquido) in alcuni casi.

Mastoidite (Infezione dell'osso mastoideo)

La mastoidite è una grave infezione dell'orecchio in cui l'osso mastoideo, contenente cellule d'aria connesse all'orecchio medio, si infiamma a causa della diffusione dell'infezione dall'orecchio medio. Questa condizione può portare alla formazione di cisti piene di pus dietro l'orecchio coinvolto, che appaiono come grumi. Se non viene adeguatamente trattata, la mastoidite può condurre a complicazioni serie come la perdita dell'udito, la meningite o la formazione di ascessi.

I sintomi della mastoidite comprendono:

  • Dolore all'orecchio
  • Gonfiore dietro l'orecchio
  • Rossore
  • Febbre
  • Secrezione di liquido dall'orecchio

La diagnosi di solito avviene attraverso un esame fisico e l'impiego di test di imaging, come una tomografia computerizzata. 

Il trattamento prevede generalmente:

  • Antibiotici somministrati per via endovenosa
  • Drenaggio chirurgico dell'ascesso nei casi più gravi

Cisti sebacee

Le cisti sebacee sono piccole sacche piene di liquido non cancerogene che possono svilupparsi nell'orecchio. Si verificano quando le ghiandole sebacee, responsabili della produzione di olio per lubrificare pelle e capelli, diventano ostruite o danneggiate. Le cisti non sono pericolose, tuttavia, in alcune circostanze, possono andare incontro a un'infiammazione, manifestando sintomi come arrossamento, dolore e ingrossamento

Di conseguenza possono manifestarsi con sintomi come:

  • Dolore
  • Liquido giallastro denso

La diagnosi di solito avviene tramite esame fisico e, se necessario, possono essere eseguiti test di imaging per escludere altre condizioni. Le opzioni di trattamento possono includere il drenaggio della cisti o la rimozione chirurgica qualora la cisti diventi recidiva o fastidiosa.

Lipomi (Tumori grassi benigni)

I lipomi sono tumori benigni costituiti da cellule adipose che possono svilupparsi in varie parti del corpo, compreso l'orecchio, sebbene siano relativamente rari in questa sede. La dimensione dei lipomi può variare, con alcune formazioni così piccole da non essere notate, mentre altre possono manifestarsi come piccoli noduli morbidi e mobili, solitamente indolori. Rispetto a una cisti cutanea, i lipomi si trovano generalmente più in profondità nella pelle e sono caratterizzati da una consistenza molto più morbida.

I sintomi associati ai lipomi nell'orecchio di solito includono la presenza di un nodulo morbido e mobile, che solitamente non causa dolore e tende a crescere lentamente nel tempo.

La diagnosi di solito avviene tramite esame fisico, e talvolta possono essere eseguiti test di imaging per confermare la diagnosi ed escludere altre condizioni. Nel caso in cui il lipoma diventi fastidioso o influisca sull'udito, l'opzione di trattamento più comune è la rimozione chirurgica.

Acne e brufoli

L'acne rappresenta una comune condizione cutanea, particolarmente diffusa tra i giovani. 

L'acne è caratterizzata dall'infiammazione dei follicoli piliferi che comporta la formazione di brufoli. Questa patologia cutanea può manifestarsi anche sulle orecchie causando rossore e gonfiore. Per prevenire tali sintomi, è fondamentale adottare una corretta routine di pulizia e igiene. Utilizzare detergenti delicati e non comedogeni per detergere l'area e evitare l'accumulo di sebo e cellule morte della pelle che possono ostruire i pori. Evitare di toccare o graffiare l'orecchio può ridurre il rischio di infezioni e infiammazioni.

In caso di persistenza dei brufoli, è consigliabile consultare un dermatologo per una valutazione professionale e ricevere indicazioni specifiche per il trattamento. Una cura attenta e mirata può contribuire a mantenere la pelle dell'orecchio libera da brufoli, rossori e gonfiori, garantendo un aspetto sano e confortevole.

Noduli dietro l'orecchio

La comparsa di noduli dietro l'orecchio può destare preoccupazione, ma comprenderne le possibili cause è essenziale per affrontare la situazione in modo adeguato. Queste protuberanze possono essere il risultato di diverse condizioni, tra cui infiammazioni dei linfonodi, cisti sebacee o anche infezioni cutanee.

Un'accurata valutazione da parte di un professionista della salute è fondamentale per determinare la causa specifica e stabilire un piano di trattamento mirato. Esplorare i sintomi associati, come dolore o arrossamento, può fornire ulteriori indicazioni sulla natura del nodulo. Affrontare tempestivamente queste situazioni può contribuire a garantire una gestione efficace e a promuovere il benessere generale dell'individuo.

Altri corpi estranei comuni nell'orecchio

È più probabile che ci siano altri corpi estranei nell'orecchio rispetto agli insetti. Ad esempio, mentre si lavora in casa o in giardino, possono entrare nell'orecchio parti di piante, polvere e sabbia. La presenza di corpi estranei nel condotto uditivo può essere percepita come un problema uditivo o semplicemente come la sensazione di avere qualcosa nell'orecchio. Tuttavia, va sottolineato che molte di queste sensazioni sono spesso dovute all'accumulo di cerume nell'orecchio, che può essere scambiato erroneamente per la presenza di un corpo estraneo.

Vermi nell'orecchio e miasi aurale

Le miasi  sono una forma di parassitosi caratterizzata dalla formazione di larve all'interno del corpo, che possono coinvolgere sia gli esseri umani che altre specie di mammiferi. Questa condizione riguarda l'infestazione dell'orecchio esterno e/o dell'orecchio medio da parte delle larve di mosche. La miasi aurale è una patologia piuttosto rara e si riscontra principalmente in regioni tropicali o in individui con limitata igiene personale.

Sebbene la miasi aurale sia autolimitante, è importante notare che può essere associata a complicanze gravi, come la penetrazione nel sistema nervoso centrale. Per diagnosticare questa condizione, è necessario consultare un medico qualificato quando si manifestano sintomi quali prurito, dolore e una sensazione di movimento nell'orecchio, associati a fuoriuscita di pus e cattivo odore.

Una donna effettua un test dell'udito
Controllo gratuito dell'udito

Trova il miglior centro vicino a te e fissa ora un controllo gratuito dell'udito.

Prenota il test dell'udito

Gonfiore all'orecchio: quali zone può colpire?

Gonfiore dietro l'orecchio

Un gonfiore dei linfonodi dietro l'orecchio, talvolta anche senza dolore, può indicare la presenza di un'infezione o di un altro problema di salute. In taluni casi, potrebbe essere attribuito a cisti sebacee, che rappresentano un tipo comune di nodulo in questa zona. Queste cisti sono protuberanze benigne che contengono una sostanza grassa e, se non infiammate, tendono a essere indolori. Tuttavia, se si infettano o si rompono, possono causare fastidio. In rari casi, un ingrossamento senza dolore dietro l'orecchio potrebbe essere attribuibile a un osteoma, un'escrescenza ossea benigna caratterizzata da una consistenza dura e immobilità.

Gonfiore sul lobo dell'orecchio

Se il lobo dell'orecchio è gonfio e rosso, o provoca prurito, questa potrebbe essere una risposta normale ad un nuovo piercing, ma se persiste o peggiora è consigliabile consultare un professionista medico. Praticare una corretta igiene del nuovo buco, utilizzando soluzioni saline e evitando prodotti irritanti, può contribuire a prevenire infezioni. Assicurati di seguire le istruzioni fornite dal tuo dottore e di non rimuovere prematuramente gli orecchini per evitare complicazioni.Se oltre ad avere il lobo dell'orecchio gonfio è anche presente una pallina è importante affrontare la situazione con attenzione.

La formazione di una piccola pallina può essere una reazione normale alla guarigione del piercing, come la formazione di tessuto cicatriziale. Tuttavia, se la pallina è accompagnata da dolore, arrossamento o aumento del gonfiore, potrebbe essere indicativo di un'infezione con pus o di un problema più serio. La tua salute auricolare è prioritaria, e affrontare tempestivamente questi sintomi può contribuire a un recupero ottimale.

Gonfiore nel condotto uditivo

Il gonfiore all'interno del condotto uditivo può causare notevole disagio. Ad esempio, l'esostosi, comunemente nota come "orecchio del surfista", è una formazione ossea dovuta all'esposizione costante all'acqua fredda.

L'otite del nuotatore, anche nota come otite catarrale, è il risultato di un gonfiore causato da un'infezione. A volte, una sensazione di gonfiore può essere simulata dall'indurimento del cerume. In casi più rari, potrebbe svilupparsi un tumore chiamato ceruminoma.

Inoltre, il colesteatoma, che è una formazione cutanea benigna situata dietro il timpano, può derivare da infezioni costanti all'orecchio o da problemi di drenaggio. Possono crescere e danneggiare le piccole ossa dell'orecchio, causando potenzialmente anche la perdita dell'udito.

Gonfiore nell'orecchio esterno

Un gonfiore doloroso nell'orecchio esterno potrebbe essere attribuito alla condrodermatite dell'elice, una condizione specifica che richiede l'attenzione di un otorinolaringoiatra. Questa malattia comporta un ispessimento della cartilagine dell'elice, che è la parte superiore del padiglione auricolare. Questo ispessimento tende a svilupparsi principalmente a seguito di una pressione esercitata durante il sonno, quando il nostro orecchio è schiacciato contro un cuscino o una superficie rigida.

La condrodermatite dell'elice può provocare dolore e disagio significativo nell'orecchio, rendendo importante la consulenza di uno specialista per una valutazione accurata e il trattamento appropriato.

Gonfiore sotto l'orecchio dietro la mandibola, di cosa si tratta?

Un gonfiore sotto l'orecchio dietro la mandibola potrebbe essere causato dalla parotite, un'infiammazione delle ghiandole parotidi dovuta a un'infezione virale. Questa condizione si caratterizza per l'ingrossamento doloroso delle ghiandole parotidi, le quali si trovano davanti e al di sotto dell'orecchio, estendendosi fino alla parte inferiore del ramo mandibolare e all'arco zigomatico.

Sintomi associati alle orecchie gonfie

I sintomi comuni associati ai gonfiori o ai noduli situati davanti o dietro l'orecchio includono dolore o sensibilità, gonfiore o rossore, rilascio di liquido e variazioni dell'udito.

Dolore o sensibilità

Sentire dolore o percepire l'orecchio particolarmente sensibile potrebbe essere un segnale della presenza di un gonfiore. Quando si forma un gonfiore nell'orecchio, può fare pressione sui tessuti circostanti e sui nervi, causando disagio. Il dolore può variare dalla sensazione di un fastidio leggero a un dolore intenso, e può manifestarsi in modo costante o a intervalli.

Tuttavia, è importante tenere presente che il dolore all'orecchio non è sempre necessariamente legato a un nodulo o a un gonfiore. Altre possibili cause di dolore all'orecchio comprendono infezioni dell'orecchio, accumulo di liquido nell'orecchio medio, disturbi dell'articolazione temporomandibolare, problemi dentali o persino il riflesso del dolore da strutture vicine, come la gola o la mandibola.

Gonfiore o rossore

Il gonfiore o il rossore intorno all'orecchio possono indicare la presenza di un nodulo. Quando si forma un nodulo, può causare un'infiammazione nei tessuti circostanti, portando al gonfiore e al rossore. L'entità del gonfiore e del rossore può variare in base alle dimensioni e alla posizione del nodulo.

Le possibili cause di gonfiore e rossore sono, oltre ai noduli, infezioni, come gli ascessi, reazioni allergiche, traumi o persino condizioni infiammatorie come l'artrite reumatoide. È importante tenere in considerazione queste possibilità e consultare un professionista sanitario per ottenere una diagnosi accurata.

Perdite o secrezioni

Le perdite o le secrezioni dall'orecchio possono costituire un ulteriore sintomo associato alla presenza di un gonfiore. La presenza di queste secrezioni suggerisce la presenza di un'irregolarità nell'orecchio, che può essere causata da diversi fattori.

Esistono diversi tipi di secrezioni: una secrezione chiara o acquosa può suggerire una fuoriuscita di liquido cerebrospinale, mentre una secrezione simile al pus può essere indicativa di un'infezione. La presenza di una secrezione sanguinolenta può rappresentare un segnale di un trauma o di una condizione maligna. È fondamentale prestare attenzione alle caratteristiche delle secrezioni e segnalarle a un professionista sanitario per ottenere una valutazione adeguata.

Determinare la causa delle secrezioni è cruciale per garantire un trattamento appropriato. Questo potrebbe implicare la necessità di ulteriori test diagnostici, come l'imaging o le analisi di laboratorio, al fine di individuare la condizione sottostante e orientare le decisioni relative al trattamento.

Cambiamenti nell'udito

Avere un'orecchio gonfio può portare a variazioni nell'udito. In alcuni casi, il gonfiore può ostruire il condotto uditivo, causando una riduzione parziale o totale delle onde sonore e, di conseguenza, una perdita dell'udito.

È importante notare che le variazioni dell'udito possono avere anche cause diverse, come infezioni dell'orecchio, accumulo di liquido, perdita uditiva legata all'età o esposizione a rumori forti. Pertanto, è necessaria una valutazione completa da parte di un professionista sanitario per determinare l'origine esatta del problema e stabilire il trattamento adeguato.

Coppia anziana che usa un tablet e sorride
Scopri di più sulla salute auditiva

Leggi il nostro blog per rimanere informato sulla salute uditiva.

Scopri di più

Cosa fare in caso di gonfiore nell'orecchio?

Gonfiore legato a un'infezione

I gonfiori causati da infezioni nell'orecchio possono essere dolorosi, ma fortunatamente esistono diverse opzioni di trattamento, tra cui:

  • Antibiotici: Gli antibiotici sono fondamentali per combattere le infezioni dell'orecchio, eliminando i batteri responsabili. La scelta dell'antibiotico, come l'amoxicillina, la ciprofloxacina o l'azitromicina, dipende dal tipo di infezione. Possono essere assunti per via orale o somministrati per via endovenosa nei casi di infezione grave. Completare il ciclo di antibiotici è essenziale, e un uso non appropriato può portare alla resistenza agli antibiotici. Seguire sempre il consiglio del proprio medico.
  • Gocce auricolari: Le gocce auricolari formulate per le infezioni dell'orecchio spesso contengono antibiotici o antifungini. Per applicarle, è necessario pulire l'orecchio esterno, inclinare la testa e inserire le gocce consigliate, mantenendo la posizione per alcuni minuti. Anche in questo caso, è importante seguire attentamente le istruzioni del medico e completare il ciclo di trattamento.
  • Impacchi caldi: Gli impacchi caldi possono alleviare il dolore e il gonfiore causati dalle infezioni dell'orecchio. L'applicazione del calore migliora il flusso sanguigno e contribuisce alla guarigione. Basta immergere un panno in acqua calda, strizzarlo e tenerlo sull'orecchio per 10-15 minuti diverse volte al giorno. È importante assicurarsi che non sia troppo caldo per evitare scottature. Questi impacchi sono particolarmente utili per gli ascessi all'orecchio, ma è sempre consigliabile consultare un medico prima dell'uso.

Gonfiore non legato a un'infezione

  • Rimozione chirurgica: Se il gonfiore è causato da un nodulo, questo può comportare un notevole disagio o abbassamento dell'udito. È possibile rimuovere i noduli chirurgicamente sotto anestesia. L'approccio chirurgico dipende dalle dimensioni e dalla posizione del nodulo. La cura post-operatoria e i controlli successivi sono essenziali per garantire una corretta guarigione e ridurre i rischi di complicazioni.

Altre possibilità:

  • Iniezioni di corticosteroidi: Queste iniezioni sono utili per trattare cheloidi o cicatrici, poiché riducono l'infiammazione e inibiscono la crescita anomala del tessuto. Potrebbero essere necessarie più sedute, e si devono considerare potenziali effetti collaterali come la discromia cutanea.
  • Terapia con laser: Questo metodo non invasivo utilizza la luce focalizzata per rimuovere il tessuto anomalo ed è adatto per condizioni come gli emangiomi. L'efficacia varia e potrebbero essere necessarie più sedute.
  • Radioterapia: Per un gonfiore di natura cancerosa, come un nodulo, la radioterapia mira a distruggere le cellule tumorali, sia esternamente che internamente, a seconda del tipo e dello stadio del cancro.

Gonfiore dietro l'orecchio: quali conseguenze?

1. Diffusione dell'infezione

Il gonfiore dietro o nell'orecchio, se non trattato, può diventare luogo di proliferazione batterica, causando infezioni che possono diffondersi oltre l'orecchio, comportando, nei casi più gravi, anche la mastoidite. Se trascurate, le infezioni potrebbero diffondersi a zone critiche come il cervello, costituendo una grave minaccia per la salute.

2. Perdita dell'udito

Un linfonodo gonfio nell'orecchio può causare perdita dell'udito ostruendo il condotto uditivo o danneggiando le strutture interne dell'orecchio. Ciò influisce sulla comunicazione, sulla fruizione dei suoni e sulla qualità della vita in generale.

3. Danneggiamento del nervo facciale

I rigonfiamenti situati vicino all'orecchio possono comprimere o danneggiare il nervo facciale, portando a debolezza, paralisi o altri problemi del viso. Il trattamento varia dalla fisioterapia a interventi chirurgici come l'impianto di innesti nervosi, a seconda della gravità.

Rischi associati all'operazione chirurgica

  1. Infezione: La rimozione chirurgica dei noduli nell'orecchio comporta un rischio intrinseco di infezione. È fondamentale rispettare rigorosamente le procedure sterili, compresI l'igiene delle mani e la sterilizzazione dell'attrezzatura. Talvolta, possono essere somministrati antibiotici prima dell'intervento. Se si verificano infezioni, è necessaria una diagnosi rapida e potrebbe essere richiesto un trattamento antibiotico o il drenaggio chirurgico.
  2. Sanguinamento: Le procedure chirurgiche all'orecchio possono causare sanguinamento a causa della ricca vascolarizzazione dell'orecchio. I chirurghi utilizzano tecniche e strumenti per controllare il sanguinamento, e qualsiasi sanguinamento eccessivo viene attentamente monitorato. Raramente, un sanguinamento significativo potrebbe richiedere ulteriori interventi chirurgici o trasfusioni di sangue.
  3. Cicatrici: La rimozione dei noduli nell'orecchio può causare cicatrici a seconda delle specifiche del intervento chirurgico e del processo di guarigione individuale. Per ridurre le cicatrici, i chirurghi possono utilizzare tecniche particolari di chiusura delle ferite o trattamenti per la riduzione delle cicatrici. La cura post-operatoria e la protezione solare della ferita sono cruciali. È essenziale stabilire aspettative realistiche e consultare chirurghi esperti riguardo ai potenziali risultati.

Come prevenire il gonfiore all'orecchio?

Igiene dell'orecchio

Per mantenere le orecchie in buona salute, è importante seguire una corretta igiene dell'orecchio:

  • Pulire delicatamente la parte esterna dell'orecchio utilizzando un panno morbido o un cotton-fioc, facendo attenzione a non spingere il cotton-fioc troppo in profondità nel condotto uditivo. L'igiene esterna è essenziale.
  • Evitare pulizie eccessive, poiché possono interferire con l'equilibrio naturale nella produzione di cerume e causare irritazioni. Un po' di cerume nell'orecchio è normale e svolge un ruolo protettivo.
  • Dopo il nuoto o la doccia, asciugare accuratamente le orecchie con delicatezza per prevenire la crescita di batteri. Assicurarsi che le orecchie siano asciutte riduce il rischio di infezioni.

Gestione dell'accumulo di cerume

Il cerume svolge un ruolo importante nel proteggere l'orecchio. Tuttavia, un accumulo eccessivo può portare a occlusioni e gonfiore del condotto uditivo. Ecco come gestire il cerume:

- Evitare di utilizzare cotton-fioc per rimuovere il cerume in eccesso, poiché spingere il cerume più in profondità può peggiorare il problema. Il cerume in eccesso di solito viene espulso in modo naturale.

- Se si ha un accumulo significativo di cerume, è consigliabile valutare l'uso di gocce auricolari da banco o consultare un professionista sanitario per una rimozione sicura e adeguata. Non cercare di rimuovere il cerume in modo improvvisato.

- Per prevenire accumuli di cerume, si può occasionalmente considerare l'uso di olio minerale o olio per bambini, che può ammorbidire il cerume. Tuttavia, è fondamentale consultare un professionista sanitario prima di procedere autonomamente.

Protezione dalle lesioni all'orecchio

Per prevenire i gonfiori dell'orecchio dovuti a traumi, è importante prendere alcune precauzioni:

- Durante attività a rischio come eventi rumorosi o sport di contatto, assicurarsi di utilizzare l'attrezzatura di protezione adeguata per evitare lesioni all'orecchio. Questa protezione può contribuire a salvaguardare la salute uditiva.

- Evitare di inserire oggetti estranei nelle orecchie o di essere esposti a suoni eccessivamente forti, poiché tali comportamenti possono aumentare il rischio di lesioni o danni all'orecchio.

- Nel caso di lesioni all'orecchio, è fondamentale cercare immediatamente assistenza medica da un professionista per evitare possibili complicazioni e ricevere una valutazione adeguata.

Vuoi tornare a sentirci? EarPros ti può aiutare!

Registrati per ottenere subito una consulenza gratuita con un audioprotesista abilitato per determinare se soffri di perdita dell'udito.

I benefici di EarPros:

  • Oltre 1.000 punti vendita
  • Audioprotesisti preparati
  • Consulenza gratuita

Please use a valid US zipcode.

Per favore usa un CAP valido.

Grazie per averci contattati

Ti chiameremo il prima possibile per organizzare l'appuntamento.

Articoli correlati

Una donna prova dolore da un orecchio

Malattie dell'orecchio

Sangue dall'orecchio

Scopri di più
Bambina che si tocca l'orecchio per il dolore

Malattie dell'orecchio

Mal d'orecchio e bambini: cure e sintomi

Scopri di più
Una donna che tiene la testa tra le mani per il dolore

Malattie dell'orecchio

Dolore alla testa e all'orecchio

Scopri di più
Un uomo anziano con suo nipote che si sorridono reciprocamente

Malattie dell'orecchio

Parotite e orecchioni: sintomi e cure

Scopri di più
Scopri di più sulle patologie dell'orecchio